Dove comincia l'Appennino

Il Grande anello delle Quattro Province

tappa 6: Gorreto-Rondanina

le case di Bertassi appaiono fra la vegetazione della mulattiera / PF

Percorso

Gorreto (522) possibilitÓ di pernottamento - Bertassi (805) - Alpe di Gorreto (897) - mulino di Fontanarossa - Fontanarossa (938) - pian della Cavalla (1200) - costa del Fresco (1266) - Fascia (1118) - Rondanina (990) possibilitÓ di pernottamento


Pernottamento

A Rondanina in paese rifugio Rondanina del Parco dell'Antola: 010.95854, 335.302300 (10 posti in letti a castello). Nelle vicinanze, a Caprile albergo Berto: 010.944612; rifugio escursionistico al Poggio di Caprile, solo pernottamento, 393.1071457; a Propata nel centro albergo Paulin: 010.945927.


Descrizione

Dalla piazza di Gorreto si imbocca la strada asfaltata per Bertassi, Bertone e Suzzi, e al bivio si prende a destra per queste località; sul secondo tornante destrorso, parte sulla sinistra una mulattiera in salita senza segnavia: la si prende, e con questa si raggiunge il nucleo inferiore di Bertassi, che offre scorci suggestivi.

All'estremità opposta del paese, in corrispondenza di una cappelletta, parte la mulattiera per Alpe, non segnata ma ottima; procedendo, questa confluisce sulla strada asfaltata per Alpe (in questo tratto i tracciati sono sovrapposti), che occorre seguire fino al paese, passando per una fonte. (Dal nucleo superiore di Bertassi, presso la chiesa, parte un'altra bella mulattiera per Alpe che evita l'asfalto, ma nel tratto mediano è ostruita dalla vegetazione.) Alpe è il centro principale della val Terenzone, e contava in passato anche 700 abitanti. È sede di feste da piffero fin dai tempi di Giacomo Sala "Jacmon" e patria del pifferaio Andrea Zanardi: l'ultimo sabato di agosto vi si svolge una delle feste più belle e vissute delle Quattro Province. Dal primo pomeriggio fino a tarda sera,i suonatori fanno visita alle case delpaese con un nutrito seguito di locali ed appassionati provenienti da altri luoghi. Canti e abbondanti libagioni hanno luogo all'interno di ogni casa in uno spirito di ospitalità e antica convivialità. Un'altra festa è spesso organizzata in occasione della festività dei Santi.

Di fronte ad Alpe si vede il piccolo paese di Varni, raggruppato in due nuclei e disposto piuttosto verticalmente su un fianco della testata della valle; i suoi abitanti vi mantengono anche cavalli e muli. Da Alpe e Varni si può anche salire alle Capanne di Carrega, importante crocevia di strade, mulattiere e sentieri verso il monte Carmo, la val Borbera, il monte Antola ecc.

Da Alpe imboccare la mulattiera per Fontanarossa. Il tratto fino al mulino di Fontanarossa è in parte invaso da arbusti, mentre in seguito il sentiero diventa bello.

Da Fontanarossa un sentiero sale al pian della Cavalla, meta di escursioni nel mese di maggio per ammirare le ricche fioriture di narcisi. Si prosegue su una facile sterrata lungo il crinaletto della Costa del Fresco, che separa di bacini dei torrenti Terenzone e Cassingheno. Di fronte in alto, quasi sulla cresta principale, si scorge il grosso edificio giallo della Casa del Romano, già rifugio e oggi ristorante e albergo: prende il nome da un abitante di Sottoripa di Fontanigorda in val Trebbia, che spostatosi nel Lazio vi aveva trovato moglie: quando tornarono nel paese di lui, la donna gli chiese di andare piuttosto a vivere fra i monti, alché egli costruì appunto l'attuale Casa del Romano.

La sterrata che state percorrendo sbocca sulla strada asfaltata che dalla Casa del Romano scende a Fascia: imboccatela a sinistra e seguitela per un breve tratto compiendo un tornante, a meno che non riusciate a inserirvi sulla sinistra nel vecchio sentiero in parte cancellato. In entrambi i casi si raggiunge Fascia. Arrivando in corrispondenza del cartello stradale che indica la località (dove confluisce anche il sentiero semi-cancellato), scendete sulla destra entrando in paese per la piccolissima via carrabile (in Liguria lo spazio è sempre prezioso...). A Fascia, sede comunale, vi sono installati un piccolo monumento e vari pannelli commemorativi della guerra partigiana: uno di essi indica una casa del paese che fungeva da infermeria per i partigiani. Nella parte opposta a quella da cui provenite si trova un bar-trattoria; anche due fontane permettono di ristorarsi.

A fianco della chiesa, nello spiazzo al cui centro si trova un'edicola commemorativa, si imbocca una via che attraversa case ed orti per avviarsi in direzione di Rondanina. _

séguito


Aggiornamento

Ultimo sopralluogo: da Gorreto a Alpe ottobre 2005 (PF, CG); da Alpe al pian della Cavalla 2008 (MG); dal Pian della Cavalla a Fascia maggio 2009 (CG); (da Varni a Casa del Romano maggio 2006 (CG)).

Correzioni e precisazioni sono benvenute: scriveteci a redazione @ appennino4p . it ...

 


Il Grande anello delle Quattro Province. 6: Gorreto-Rondanina = (Dove comincia l'Appennino) / redazione ; © autori — <http://www.appennino4p.it/trek/6.htm> : 2006.05 - 2009.05 -