Dove comincia l'Appennino

Toponimi frequenti

 A   B   C   D   E   F   G   I   L   M   N   O   P   R   S   T   U   V   X   Z  · desinenze


Attraversando l'Appennino delle Quattro Province è facile imbattersi in toponimi ricorrenti; in diversi casi, addirittura in combinazioni di toponimi ricorrenti. Si percorrono le valli, e si incontrano paesi che hanno gli stessi nomi, magari leggermente diversi a seconda della parlata locale, ma dalla chiara genesi comune. Nella maggior parte dei casi si tratta di nomi che, con tutta evidenza, denotano l'origine agro-pastorale dei vari insediamenti, richiamando specifiche tipologie di allevamenti o coltivazioni e, con minor frequenza, attività artigianali.

Ad esempio in val d'Aveto abbiamo: Vaccarile, Mandriole, Brugnoni, Moglia, Brignole, Roncopiano, Mileto, Cabanne, Caminata, Villacella, Casaleggio, Villanoce, Cerisola, Cornaletto, Alpicella, Alpepiana, Secorte, Vicomezzano, Vicosoprano, Pareto, Roncolongo, Noce, Castagnola, Tornarezza, Brugneto, Rovereto, Selva.

Il fatto che i nuclei abitati portino i nomi delle funzioni produttive cui erano deputati potrebbe, a sua volta, testimoniarne la fondazione in base a un vero e proprio progetto di sviluppo del territorio montano, una sorta di piano economico che può risalire all'epoca tardo romana o, più probabilmente, altomedievale [Osvaldo Garbarino, Monaci, milites e coloni, De Ferrari-Devega, 2000]: i grandi enti monastici (a titolo esemplificativo possiamo ricordare soprattutto Bobbio, ma anche Mezzano, Tolla, Patrania, Rivalta Scrivia e altri) erano soliti strutturare le proprie dipendenze agricole sul modello delle curtes longobarde, organizzando intorno ad un nucleo religioso, solitamente una cella nata come filiazione del monastero principale, una piccola costellazione di centri ognuno dedicato a una monocoltura, in modo che ogni curtis fosse economicamente autosufficiente.



Glossario

Toccando ogni immagine si può leggere la didascalia e ingrandirla


alba (voce celtica)
altura, monte
cfr. Albera, Montalbo Val Tidone, Albarola di Ponte dell'Olio

ambr- (voce celtica)
corso d'acqua
cfr. Amborzasco (dial. Ambrosascu)

(v)ar-/av- (voce indoeuropea)
fiume, corso d'acqua
cfr. Artana?, Arzeno, Avolasca, monte Lavagnola, Variana di Grondona, Variano, Varinella, Varsaia, Varzi, torrenti Arda, Aronchio, Avagnone, Aveto, Lavagna (v. anche Arno, Var, Vara, Varese Ligure, Varsi)

arbiu
abbeveratoio, mangiatoia, fontana

arpe "alpe" (voce di antico celto-ligure)
alpeggio, luogo montano per il pascolo estivo
cfr. Alpe di Gorreto, Alpe di Vobbia, monte Alpe, Alpepiana, Alpicella di Santo Stefano d'Aveto, Alpicella del Brugneto

arsöra "arsura"
luogo secco?
cfr. torrente Arzola, Montarsolo

asereju "acereto"
luogo dove crescono aceri
cfr. Acero, Assereto di Avosso, monte Aserei, monte Asireigo (oggi Chiappo)


banno (voce celtica)
pizzo, corno
monte Bano

barca, barcu "barco"
stalla con tettoia scorrevole verticalmente, struttura di legno per convogliare o trattenere bestiame o fieno
cfr. Barchi, Barche di Coli, Costa de Barche di Pentema

barro (voce celtica)
sommità o cinta di legno
cfr. Barostro?

barg, berg (voce preromana)
poggio, colle fortificato
cfr. Barche di Coli, Barchi, Barcaggio, Barche di Salsominore, Bargone, Berga, Bertassi?, Bertigaro, Bertone?, Bargagli o Bragalla, v. anche Bergamo

bedu, beu "beudo"
canale artificiale, spesso associato a un mulino
Bedo di Collegio, canale Bedo di Bobbio

bocco
bocca di valico, accesso a un passo montano
cfr. passo del Bocco di Mezzanego, passo del Bocco di Bargone, passo del Bocco di S. Stefano d'Aveto, loc. Bocco del Brallo, passo della Bocchetta, Bocco di Leivi

bòssola
luogo dove crescono arbusti spinosi (bösre, bargnö')
cfr. monte Bossola, Bozzola di Valverde

botassu "bottazzo"
piccolo invaso artificiale ad uso molitorio
cfr. Casa del Bottazzo in val d'Aveto, lago del Botasso presso Ottone

braida (voce longobarda?)
cortile di castello, spazio recintato
cfr. Braia di Cella di Varzi, cascina Brada di Bobbio, cascina Braila di Volpedo, ?Brodo presso la Pietra Parcellara

brich "bricco"
cima
cfr. Bruggi (dialetto Brigi), Brienzone di Pozzol Groppo, bric Carana, bric della Torre di Vobbia, bric d'Alvaia sopra Selvapiana, bric del Dente

brigneto, brugneto "prugneto"
luogo dove crescono prugne
cfr. mulino, torrente e lago del Brugneto, Brugneto di Ferriere, Brignole di Cabanne, Brignano Frascata, Brugnoni

bufalora "boffalora"
luogo dove soffia il vento
cfr. Buffalora presso San Damiano al Colle, rio Boffalora presso Bobbio, castello di Boffalora presso Agazzano, cascina Boffalora di Volpedo

buji, buggi
arnie, anche ricavate entro tronchi
cfr. forse Bogli, Boglianca dei Campassi, Bogliasco, monte Boglelio, monte Buio

cabane "capanne"
costruzioni di montagna con tetto spiovente per riparo di pastori e bestiame o deposito di foraggio
cfr. Cabanne, Capanne di Cosola, Capanne di Carrega, Capannette di Pei

calsinera "calcinaia"
luogo dove si produce calce
cfr. Calcinaia di San Colombano Certenoli, Calcinara di Ziano Piacentino, Calcinara di Rezzoaglio, Calcinara di Uscio, Calcinera di Bobbio

càmera
terreno demaniale
cfr. Camere Vecchie, Camere Nuove


caminata
palazzo fortificato con salone dotato di camino
cfr. Caminata in val Tidone, Caminata Boselli, Caminata di Rezzoaglio, Caminata di Favale

canva "canepa"
cantina, magazzino delle derrate alimentari negli insediamenti curtensi altomedievali
cfr. Canevino, Canevizza, Canavissolo, Canedo, Canaussa

carmu "carmo"
luogo elevato, incrocio di strade di montagna? o devoto al biblico monte Carmelo?
cfr. monte Carmo di Carrega, monte Carmo di Busalla con chiesa in cima, monte Carmetto di Vegni, Carrega Ligure, passo del Carmine di Zavattarello

carpeneju "carpineto"
bosco di carpini
cfr. Carpeneto di Fascia, Carpeneto di Neirone, Carpeneta in valle Scrivia

cassan (voce celtica)
quercia
cfr. Cassano Spinola, Cassano in val di Nizza, Cassano di Centenaro, di Ponte dell'Olio (nei pressi la frazione Querceto)


castagnola
luogo dove crescono castagni
cfr. Castagnola in val d'Aveto, Castagnola di Gremiasco

castlà "castellaro"
fortificazione, spesso in quota
cfr. Castellaro

cazaregiu
caseggiato isolato di forma allungata
cfr. Casaleggio, Casaliggio, Casareggio


cazun "casoni"
costruzioni per la pastorizia in pietra con copertura in "ciappe"
cfr. Casoni di Fontanigorda, Casone di Vegni

cella
insediamento di monaci
cfr. Cella di Varzi, Villacella

ciappa "chiappa"
lastra di pietra, talvolta usata in antiche sepolture
cfr. Chiappa, Chiapparo di Vegni, Chiappelli di Mezzano, monte Chiappo, Ciappa Liscia

colla "colle"
valico, passo, come nel francese col
cfr. Colla di Ozzola, Colla di Brugneto, Colla di Gambaro, Colletta di Montoggio, Collavalle di Ferriere, Colla di Rovegno, passo del Colletto, cima Colletta

cordaressa (latino villa cordaritia)
localitą con laboratori di cordai
cfr. Cordarezza e rio Cordarezza di Marsaglia

corle, colre
luogo dove crescono nocciole, o anche dove ci sono molte strade che girano
cfr. Colleri, Collerine, Collistano, Curletti, cima Colletta, Pian dei Curli di Mongiardino, Pian dei Curli di Tonno

cornale
luogo dove crescono cornioli
cfr. Cornaletto, Cornareto, Cornaro

corte (latino curtis)
unità economico-amministrativa longobarda
cfr. Corte Brugnatella, Cortevezzo, Secorte di Alpepiana, Corte di Coli, Corticelli

costa "costa", "costiolo"
crinale, contrafforte
cfr. Costalta di Romagnese, Costa Calderaia, Costalunga di Rondanina, Costalunga di Montoggio, Costa Vescovato, Costiere di Coli, Costasecca di Orero, Costa di Groppo Ducale, Costiolo

cravì "caprile"
alloggio di capre
cfr. Caprieto, Caprile di Propata, Clavarezza, monte Cravì, Montecapraro

crenna
spaccatura, fenditura
cfr. rio Crenna e Ponte Crenna, Bocca di Crenna

crigno (voce longobarda)
ossa, rocce biancastre simili a ossa
cfr. monte Crigno di Mezzano Scotti (e Grigne lecchesi)

cruxe "croce"
incrocio, spesso presidiato da una croce
cfr. Crocefieschi, Croce di Rovegno, Crocetta d'Orero, Crociglia di Zavattarello, passo del Crociglia

cröza "crosa"
stradina incassata fra terreni, come la famosa cröza de ma di De André e il francese chemin creux
cfr. Cröza: località di Nivione, di Pizzocorno ecc.; Croso di Campassi; Crosi in val Brevenna; mulino di Chiappa Crosa

cüccu "cucco" (voce prelatina)
cocuzzolo, cima
cfr. monte Cucco, Montecucco, Cuccavello, v. anche Moncucco

cugnu "cuneo, connio"
terreno isolato, spesso compreso fra due corsi d'acqua confluenti
cfr. Conio Aveno, Connio di Carrega, Connio della Cascina, Cugno Longo, Cogno San Bassano, Cogno San Savino (e la città di Cuneo)


cunfiente "confluente"
confluenza fra due torrenti
cfr. Confiente, Conscenti

degu
cippo di confine
cfr. Dego di Varzi, Dego di Montoggio, Degara di Bobbio, castello del Dego presso Bobbio, monte Dego

dour (voce celtica)
acqua
cfr. Dova, Dovanelli?

dubra (voce celtica)
acqua
cfr. Dorba, Dorbora, torrente Dorbora, v. Dorbora di Bardi

ebur (voce latina)
pianta o bosco di tasso
cfr. monte Ebro, Montébore (v. anche Eburacum, oggi York)

fascia "fascia"
terrazzamento coltivato
cfr. Fascia, Fascia di Carlo, monte Fasce

feregarö'
luogo dove crescono felci
cfr. passo del Fregarolo, Feligara, Figarolo di Lorsica?


ferriere
luogo di lavorazione del ferro
cfr. Ferriere val Nure, Ferriere di Boasi, Ferriere di Torriglia, Costa dei Ferrai, Poggio Ferrato

filagni
filari, in particolare di viti
cfr. Filagni di Nivione

finale
termine di confine, solitamente coincidente con un corso d'acqua
cfr. Ruffinati (Rivus Finalis), Costafinale + rio Ruffinale presso Portofino e in val di Taro

fo "faggio"
cfr. Forotondo, monte Croce dei Fo, Fego?, Valformosa?

fort, fuurt
guado
cfr. Fortunago


frasineju "frassineto"
luogo dove crescono frassini, ma anche riferimento alla base saracena provenzale di Fraxinetum
cfr. Frassineto, Frassinello

fràvega
luogo dove crescono castagne, oppure fucina
cfr. Fabbrica Curone, Fabbrica di Ottone, Fabbrica in val Grue, Fravica di Pianello

fricciu
pascolo collettivo estivo
cfr. Fricciallo in alta val Trebbia, Fricciaro di Fallarosa, Freccia di Fraconalto

fujà, fujè "fogliata"
altura usata per falò annuali
cfr. Fogliata di Donderi, Fogliarini di Montoggio, Madonna della Fogliata di Volpedo


fullu "follo"
impianto idraulico per la follatura della lana
cfr. Fullo in val Malvaro, Molino del Fullo di val Brevenna, vicolo del Follo a Varzi, Giro del Fullo a Genova, Folli di Ferriere

gaba
salice
cfr. Gabbione, Gabbiano, rio Gabbioni presso Bruggi

gall-, longobardo wald
bosco demaniale regio
cfr. Pergallini (Nibbiano), Pre' Galli di Dova, Gallinaria di Cicagna, Galla di Borgo Priolo, Costa Gallotti di Montalto Pavese, Noce del Gallo di Pianello, Casa dei Galli di Rezzoaglio, Casa dei Gallini di Groppallo, Gallosi di Vernasca, lago del Gallo in val d'Arda

garba (voce germanica)
covone
cfr. Garbagna, Garba di Rezzoaglio

gava
sella orografica?
cfr. Gavazzana, Pietragavina, passo della Gava, Gavi Ligure?

gazzu "gazzo, gaggio" (voce longobarda dal germanico ga haga)
bosco fiscale o comune
cfr. Gazzo di Busalla, Gazzolo di Montoggio

gèra
alveo sassoso di torrente
cfr. Giara di San Sebastiano Curone, Giarella in val Curone, Gerra di Caratta, la Gera o torrente Cassingheno

giarö' "ghiareto"
terreno con roccia friabile
cfr. Giarola, monte Giarolo, La Gioia...

grem
bagnare
cfr. Gremiasco, Gramizzola?, Gramizza?


gruppu "groppo"
colle, rilievo
cfr. Groppo, Gropparo, Groppallo, monte Groppo Rosso, monte Gropà


gura, gureju "gorra, gorreto"
luogo umido dove crescono salici
cfr. Gorreto, Gorreto di Ballini, Gorra di Avosso, Gorretta di Montoggio, Gorazze

ìzua "isola"
luogo isolato dal meandro di un torrente o da due torrenti confuenti
cfr. Isola del Cantone, Isola di Rovegno, Isola di Avagnone, Esola, Lisore, Isolabuona, Isolarotonda

inciza "incisa"
valico, specialmente roccioso
cfr. passo dell'Incisa di Vobbia, passo dell'Incisa presso il Ramaceto, passo dell'Incisa sul monte Penna (e il noto passo della Cisa)

lagu "lago"
luogo che si imbeve di acqua e forma pozze temporanee
cfr. Lago presso Montarsolo, Lago Cerreto, Lago Patrono, Lagobisione, Madonna del Lago di Garbagna


lama (voce longobarda)
luogo basso e paludoso, o terreno sconvolto da frana non ancora ricostituito a bosco, con pietrame, massi e terra vergine
cfr. Lama, lago delle Lame, Cian da Lamma in val Cichero

lavagiu
pozza fangosa
cfr. Lavaggio di Agneto, Lavagi di Cosola, costa di Lavaggio di Montoggio, Lavaggio in valle Sturla, Lavaggi di Moconesi

ligos "ligozzo" (latino laquedocium)
roggia, canale di irrigazione
cfr. Dü Ligos (località di Volpedo alla biforcazione di una roggia)

lögu "luogo"
dal latino lucus, terreno destinato allo sfruttamento collettivo
cfr. Loco, il Luogo presso Montarsolo, Lumarzo (lat. Lucus Martius), ?Ca' de Lucchi di Pozzol Groppo

lubia
frana; anche zlübià franare
cfr. la Lubia di Fabbrica Curone, Libia di Senarega, Libiola, Croce Lobbi e forse Obbi, Vobbia, Montoggio

lùvegu, lùigu (dal latino ad opacum, cfr. francese ubac)
luogo poco soleggiato
cfr. Lóvari, Luega di Montoggio, zona Luvega presso Propata e presso Conio Aveno

mareju
luogo dove crescono meli?
cfr. Mareto, Mareta, Mereta, Mileto

marencu
luogo sulle vie dirette al mare?
cfr. Costamarenga, Fontana Marenga, Marengo di Alessandria

mezzu "mezzo"
insediamento a mezza costa oppure ad un crocevia importante
cfr. Mezzànego, Vicomezzano, Mezzoni di Montebruno, Mezzano Scotti, monte di Mezzo


möja "moglia"
terreno umido, pozza per bucato
cfr. Moglia di Corte Brugnatella, Moglia di Rovegno, Moglia dei Larbani, Moglie di Pizzocorno, Mogliazze

munte "monte"
come sinonimo di alpe, territorio destinato allo sfruttamento collettivo come pascolo o bosco
cfr. Ca' del Monte, Guardamonte, Montagna di Fascia sopra Nervi


nava, nà (voce ligure)
vallone, conca, depressione
cfr. Navoni di Garaventa, Campo di Nè, Nè, lago della Nava, la Nave sul monte Penna

pareju
luogo dove crescono peri?
cfr. Pareto di Fabbrica Curone, Pareto in val Brevenna, Pareto in val d'Aveto, Pej (lat. Castrum Piri)

penna (voce di antico ligure)
vetta o cresta montuosa, anticamente usata per il pascolo comune dalle genti dei diversi versanti
cfr. monte Penna, monte Pénice, monte Pénola, Appennino

pessina "peschiera"
allevamento di pesce
cfr. Pessinate, Pissino di Gorreto, Pescina in val d'Aveto


piane, ciane
campi pianeggianti, terrazzamenti
cfr. Le Piane, Pianellette, Pianazzo

pieve
pieve: divisione amministrativa rurale medievale centrata in una chiesa
cfr. Pieve di Montarsolo, Pieve Dugliara, Pieve di Momperone, Pieve San Zaccaria, Pievetta

pissu "pizzo"
altura particolarmente ripida o impervia
Pizzocorno, Pizzofreddo, Pizzonero

posa
punto di sosta dei mulattieri dove veniva posato il carico
cfr. Posale in val Curiasca, passo del Bozale, Posa dei Morti in val d'Aveto

pra "prato" (voce latina)
terreno erboso
Pradella di Romagnese, Prato Pallavicino, Pradello di Bettola, Pradellino di Travo, monte Pradegna, Prato Sopralacroce, Centernaro Prato, Castellaro Prato, Prarolo di Isola del Cantone

praggia (latino pratula)
prati di modesta estensione
cfr. Praggia di Corte Brugnatella, monte Pradegna, Pradaglione di Coli, piani di Praglia

pumeju
meleto
cfr. Pometo di Ruino, Pomaro in val Luretta

preda, pria "pietra"
roccia fortificata
cfr. castello della Pietra, Pietra Parcellara, Pietra Perduca, Pietra Corva, Pregola, monte Prela

pussa, pussö'
scarico di letame o acqua, depressione, sorgente
cfr. Piuzzo, Puzzeco, Pozzol Groppo, Pozzallo...

ravina (voce francese)
fossato incassato scavato da un rio
cfr. Ravina, Ravine, Ravinelle di Torriglia, fontana Ravinella di Bogli, fosso Arvinela presso Bralello

rijà (nel Piemonte orientale urià, urial con fusione dell'articolo)
rio
Ca' du Rijà a Suzzi


riva
dislivello, luogo dirupato
cfr. Rivanazzano, Rivarossa, Rivalta Trebbia, Rivalta Scrivia, Riva di Menconico, Riva di Ponte dell'Olio, Rivebelle, Rivarola di Carasco, Ripe Rosse di Roccatagliata, Sottoripa di Montebruno

runcu "ronco"
terreno reso coltivabile abbattendo la vegetazione (spesso roveri sostituiti con castagni) ed eventualmente costruendo terrazze, bosco governato
cfr. Ronco Scrivia, Roncopiano, Roncolongo, Ronco Paolo, Ronco Andrea, Roncoli, monte Ronconovo

rúvar "rovere"
quercia
cfr. Rovereto, Roverassa, Rovaiolo, Rovaiola

saà "salata"
deposito del sale
cfr. Salata di Vobbia, Salata di Mongiardino, Costa Salata, Sarmoria di Vobbia, Sermoria di Gavi, Zermogliano

sala "sala" (voce longobarda)
unità amministrativa terriera
cfr. Sala di Santa Margherita Staffora, Sala Mandelli, Sala Inferiore e Superiore di Godiasco

sanguneju "sanguineto"
sanguinella, arbusto con si facevano le ramazze
cfr. Sanguineto val di Noci, Sanguineto di Marsaglia, Samboneto, Sanguignano di Montesegale


satu "salto" (voce latina)
territorio anticamente destinato all'utilizzo collettivo come pascolo o bosco
cfr. Salto presso Priosa, Salto presso Avegno

scabia "scabbia"
bosco tagliato periodicamente
cfr. Scabbia, Scabbiabella, Scabbiamara, Scabiazza di Coli

scaglia
luogo roccioso o con roccia che si sfalda
cfr. Scaglia, passo della Scoglina

scagnu "sedile"
luogo di appoggio o pianeggiante
cfr. Scagnelli, Casa Scagni di Golferenzo, Scagni di Borgo Priolo

scurtegaa "scorticata"
?
cfr. Scorticata di Barbagelata, Scurtegaa di Pentema

selva "selva"
territorio destinato allo sfruttamento comune del terreno, o querceto destinato all'allevamento di suini
cfr. Selva di Cerignale, Selva di San Sebastiano, Selva di Ferriere, Selvapiana, Selvarezza di Cerignale, Selva di Vobbia

seppa "ceppo"
parte basale di un albero rimanente dopo il suo crollo o taglio
cfr. Zeppado di Montebruno, Seppioni di Montebruno, colle della Seppa fra Bruggi e Negruzzo


sereju "cerreto"
bosco di cerri
cfr. cfr. Cerreto di Zerba, Cerreto Ratti, Cerreto di Molo, Cerreto Grue, Piancereto

sera "serra"
sega, segheria
cfr. Serra in alta val Trebbia, Serre di Pentema
"rilievo allungato"
cfr. Serra di Fabbrica Curone, Serra del Monte, Serravalle Scrivia


siresöra "ciresola"
luogo dove crescono ciliegi
cfr. Cerisola, Ciregna

stàffili (voce longobarda)
pali o lastre di confine
cfr. torrente Staffora

strada
strada
Stradella, Astrata, Strasserra presso Crocefieschi, Strassera presso Ottone, Strą presso Pianello

strupa
fascia vegetale per legare covoni, legna ecc.
cfr. ?Genova Struppa, ?Streppasese di Cantalupo, ?Propata (indicato in vecchie carte come Stropa)

tar (voce celtica)
rapido, impetuoso riferito a un corso d'acqua
cfr. Tartago, Tartogni, Tortaro (?), fiume Taro

treb- (voce celtica)
insediamento
fiume Trebbia, Trebbiano val di Nizza, Trebecco val Tidone, Tribogna, Trebbiola di Torriglia, Trebbiola di Rivergaro, Trebbie Burche, Catribiasca

turnaressa (latino villa tornaritia)
luogo con costruttori o utilizzatori di tornii per legno
cfr. Tornarezza di Ferriere, Tornarezza di Borzonasca, Tornara di Groppallo


uneju "oneto" (dal latino alnetus)
ontaneto
cfr. Oneto, Villa Oneto

uspidal "ospedale"
luogo di sosta per i pellegrini
cfr. Ospedale di Bargagli, Ospedale rione di Fabbrica Curone

var-
vedi ar-

ventaröa (latino adventum)
punto d'arrivo
cfr. Ventarola di Rezzoaglio, Ventarola di Casanova

viganu "vicano, vigano"
territorio destinato agli usi comuni del paese (vicus)
cfr. Vigana di Dernice

vigu "vico, vigo"
paese sede di divisione amministrativa ligure-romana
cfr. Vicosoprano, Vicomezzano, Vigo, Vigomarito, Vigoponzo, Volpedo (lat. Vicus Pedudis)

villa
frazione
cfr. Villacella, Villa Noci, Villavecchia di Ronco Scrivia, Giuperlavilla di Cosola


vurpaja
luogo frequentato da volpi
cfr. Volpara, Urpe

zerb "gerbido"
terreno incolto, non fertile
cfr. Zerba, Zerbo di Rovegno, Gerbidi di Sale

zögu, zövu, zuo "giogo, giovo"
giogo, anche nel senso di valico
cfr. passo del Giovà, passo dello Zovallo, passo dei Giovi, Oltregiogo


Desinenze

-agna
acqua
cfr. Cassagna, Davagna, Cicagna, Garbagna, Mesagna di Alpepiana, Priagna, ?Rezzoaglio già Rusagni, torrente Avagnone, torrente Lavagna

-ago (voce celtica)
cfr. Fortunago, Stefanago, Gravanago di Fortunago, Tavernago, Mossago di Varzi, Marzonago di Pecorara, Verago di Nibbiano, Rossago di S. Ponzo Semola

-allo (voce ligure)
cfr. Bargagli già Bragalla, Brallo, Busalla, Fricciallo, Groppallo, Pozzallo, Vigallo (Pontecurone)

-ànego
cfr. Mezzanego, Mignanego, Moranego, Sottanego

-ànesi
cfr. Cassanesi, Ceranesi, Pannesi

-ano (voce latina)
possedimento terriero (prediale) della persona dal nome indicato nella parte precedente
cfr. Ancarano, Piozzano, Lugagnano, Carmiano, Lisignano, Marzano, Fabbiano, Cassano Spinola, Cassano di Ponte dell'Olio, Cassano di Ferriere, Chiulano, Foppiano, Bobbiano, Gadignano, Corano, Ziano, Azzano, Veano, Verano, Vigonzano, Carezzano, Sevizzano di Pecorara, Rosano, Stazzano di Serravalle S., Vidiano, Nibbiano, Musigliano, Nazzano/Rivanazzano

-asco (voce ligure)
corso d'acqua
cfr. Amborzasco, Borzonasca, Godiasco, Soriasco, Canfernasca, Carisasca di Cerignale, Casasco, Ponte Organasco, Camincasca di Mongiardino L., Donelasco, Magnasco, Carasco, Morasco di Montoggio, Sarmadasco di Ferriere, Pezzonasca di Moconesi, Albarasca di Stazzano, Avolasca, Cornigliasca di Carezzano, Borlasca di Isola del Cantone, Bosonasco di Piozzano, Biagasco, Gremiasco, Martinasco, Morasco di Pecorara, Virasco di Borgonovo V. T., San Pietro Casasco, monte Maggiorasca

-assi
cfr. Bertassi, Lunassi, Vendemiassi, Zebedassi, Morigliassi, Brentassi, Corbesassi, Garadassi, Proverasso, Gregassi, Colombassi, Restegassi, Borassi, Avosso, Magrassi, Bognassi di Varzi, Frassi di Ottone, Fontanasse, Selvagnassi, Centrassi

-enzo
cfr. Golferenzo, Poggio Pornenzo e Frenzo di S. Maria della Versa, Totonenzo di Romagnese, Vallerenzo di Pecorara

-essa (-ezza, latino -itia)
attivitą agricole o manifatturiere
cfr. Vaccarezza, Tornarezza, Cordarezza, Clavarezza, Salvarezza, Selvarezza

-ona/e
corso d'acqua
cfr. Ottone, Grondona, Grondone, Mondondone, Nivione, Neirone, Ascona, Bertone, Tortona, Tidone, Chiarone, Curone, Terenzone

 

a cura di Claudio Gnoli e Giacomo Turco

 


Dove comincia l'Appennino. Toponimi frequenti / redazione ; © autori -- <https://www.appennino4p.it/toponimi.htm> : 2020.02 - 2024.07 -
(fino a 2020.02 parte della pagina Parole)